Caporalato nei ghetti del foggiano: ai braccianti paghe da 4 euro l’ora

2' di lettura 11/11/2022 - BARI – Quattro euro l’ora per turni anche da 11 ore di lavoro al giorno. Niente ferie, né giorni di riposo.

A gestire tutto un caporale, pagato da aziende a caccia di un agricoltore da sfruttare. La trama racconta una storia di caporalato, l’ennesima che si è consumata nelle campagne pugliesi e, in particolare, nei ghetti del foggiano. A indagare sulla vicenda è stata la procura di Foggia e oggi i carabinieri hanno eseguito cinque misure cautelari. Due degli indagati sono finiti in carcere, uno ai domiciliari, mentre per altre due persone è stato disposto l'obbligo di dimora. Le accuse sono: intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro, falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico e truffa. Quattro imprese agricole sono state sottoposte a controllo giudiziario, mentre le sedi operative e i beni mobili e immobili per un valore di tre milioni di euro sono stati sequestrati.

CONDIZIONI DI LAVORO MASSACRANTI E POCO DIGNITOSE
Secondo quanto accertato dai carabinieri, un caporale di nazionalità senegalese, approfittando dello stato di bisogno di molti suoi connazionali e di altri cittadini africani, li assumeva irregolarmente sottoponendoli a condizioni lavorative massacranti e poco dignitose. I braccianti venivano reclutati nei ghetti del Foggiano, come quello di Rignano, a San Severo. Il caporale percepiva uno stipendio dalle aziende colpite dalle misure: sottraeva 50 centesimi per ogni cassone di prodotti raccolti e si faceva pagare 5 euro per il trasporto dai luoghi di dimora al lavoro. Ogni bracciante, invece, percepiva fra i 3,70 e i 4 euro per ogni cassa di pomodori oppure una retribuzione oraria di circa 4 euro. Gli operai agricoli lavoravano anche 11 ore giornaliere senza riposi settimanali, senza alcuna differenza fra giorni feriali e festivi e senza, ovviamente, un'adeguata corresponsione economica rispetto alle ore prestate in straordinario.

"TOLLERANZA ZERO"
Il ministro dell'Agricoltura, della Sovranità alimentare e delle Foreste, Francesco Lollobrigida, assicura: "Tolleranza zero verso chi pensa che in Italia gli esseri umani possano essere trattati come schiavi".






Questo è un lancio di agenzia pubblicato il 13-11-2022 alle 11:27 sul giornale del 12 novembre 2022 - 8 letture

In questo articolo si parla di attualità, agenzia, agenzia dire

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dClD





logoEV