Zona gialla per Foggia, ma oltre 50 ristoratori hanno deciso di restare chiusi a pranzo

Ristorante|tavola|menù| 1' di lettura 15/12/2020 - Foggia in zona gialla, ma molti ristoratori hanno "abbracciato" l'iniziativa di non aprire a pranzo

La disposizione emanata dal governatore pugliese Michele Emiliano, di far ritornare in "zona gialla" Foggia e altri 13 Comuni, non ha messo d'accordo molti ristoratori.

L'iniziativa di continuare a restare chiusi a pranzo, era partita da Rino Buonpensiero, e altri pochi colleghi, al fine di "tutelare la salute dei propri clienti e quella del proprio personale. L'apertura a pranzo ci avrebbe fatto comodo -spiega Buonpensiero- ma preferiamo tutelare la salute dei nostri dipendenti e dei nostri clienti".

Però, malgrado la chiusura al pubblico a pranzo per evitare assembramenti, proseguirà comunque l'attività di delivery e asporto, "perché dobbiamo ugualmente sostenerci", ha specificato Buonpensiero.

Inoltre, pare che alla sua iniziativa, abbiano già aderito oltre 50 titolari della ristorazione, alcuni addirittura da Mandredonia e Lucera.


di Hazelnut
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 15-12-2020 alle 12:37 sul giornale del 16 dicembre 2020 - 225 letture

In questo articolo si parla di attualità, bari, Ristorante, pranzo, lecce, Taranto, foggia, chiusura, ristoratori, brindisi, tavola, menù, puglia, iniziativa, adesione, articolo, bat, asporto, zona gialla

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bFRn